?

Log in

Useless Important Things

Recent Entries

Journal Info

Name
yuki75

View

Navigation

May 18th, 2020

Chi è passato di qui...

Share
 

Questo è l'unico mdo per mettere un contatore fisso su un blog Livejournal: un post con data modificata in un futuro molto lontano (in modo che resti sempre in alto come ultimo post). Non è bello ma almeno funziona. Chiedo scusa ai miei 5 lettori (questa l'ho già sentita...solo che io non faccio la falsa modesta XD) per il breve periodo di sperimentazione.
Tags:

February 9th, 2009

E' triste...

Share
Rosa bianca

Ci sono vittorie amare come fiele. Ci sono vittorie che sono sconfitte.

Io ero tra quelli favorevoli alla sospensione dell’alimentazione ad Eluana Englaro. Per la prima volta io mi sono schierata senza remore per una posizione. Una posizione non facile.

Io trovo giusta la legge sull’aborto, anche se trovo doverosa che sia applicata a casi limite e dopo aver vagliato ogni altra decisione (e personalmente, come donna, penso che sarei devastata se dovessi trovarmi a considerare una simile decisione).

 Quando ci fu chiesta di esprimere l’opinione sulla ricerca sugli embrioni, ho rispettato la scelta della maggioranza, comprendendo quel sentimento che vede in un seme della vita un’entità da rispettare (anche se, a certe condizioni, un embrione destinato a rimanere tale per sempre è per me “una non vita” e potrebbe, sotto stretto controllo, salvarne di nuove).

Ma questa volta no, mi sono schierata! Ho aderito a gruppo di discussione, ho firmato petizioni, inviato mail al Governo

Non perché io non rispetti il valore della VITA.

Ma perché rispetto anche il valore che ne è il rovescio della medaglia. Una morte dignitosa.

Una morte che era stata rimandata non per un evento di natura ma per un’accanimento terapeutico. Che aveva provocato la trasformazione di un essere umano in una sorta di bambola che andava lavata, nutrita e aiutata a respirare (perché di fatto era così).

Non sto neanche a discutere se fosse giusto o sbagliato porre fine a questa esistenza, a una vita che era fragile come quella di un fiore.

Ma personalmente non mi sembra giusto gridare all’assassinio, specialmente contro il padre.

Ancora adesso non so dire se Beppino Englaro sia uno stupido o un grande attore mediatico ma, di una cosa sono certa: ha scelto la via più lunga e sofferta. La via della legalità.

Se avesse voluto farla finita subito avrebbe potuto chiedere l’assistenza domiciliare o farla portare, che so, in Svizzera. In pochi giorni sarebbe tutto finito.

 Ha voluto restare in Italia. E’ diventato un caso mediatico (e non voglio neanche menzionare le castronerie che da ambo gli schieramenti mi è toccato sentire) e perciò non gli è restata che la scelta più abominevole.

Perciò mi chiedo, possibile che non esistesse una via alternativa? Vita o non vita? Queste sono le uniche scelte concesse? Una persona non può compiere, in determinate condizioni, scelte che altrimenti riterrebbe disgustose? Siamo così certi delle nostre risposte?

Tra porre fine all’accanimento terapeutico alla selezione della razza il passo non è breve, è decisamente lungo. Tra porre fine a un’esistenza che non è vita e uccidere una persona c’è qualche distinzione? SI o NO?

Io sono rimasta sconcertata non tanto dai livelli che ha raggiunto il dibattito ma dai toni crudeli che hanno raggiunto gli scontri tra le avverse fazioni. Non tanto verso il gruppo di opinione opposta, quanto verso gli unici protagonisti (strumentalizzati fino a raggiungere temi che nulla avevano a che fare con il caso in sé).

E mi chiedo, questa ragazza (e suo padre) non si meritavano la stessa pietà che concediamo ai nostri amici cani e gatti quando sono troppo malati (e non venitemi a dire che non è la stessa cosa. Guardate negli occhi un cane e provatemi a dire che non ha un’anima!)?

Non auguro la pace a Eluana, perché sono convinta che l’abbia trovata 17 anni fa ma a suo padre: spero che ora possa finalmente elaborare il lutto e riuscire a staccarsi dallo spettro in cui era stata trasformata sua figlia.

 

Se qualcuno (molto pochi, visti i miei abituali lettori) sarà ferito dalle mie parole, me ne dispiace. Comunque saremmo in due.

December 30th, 2008

Let's hope...

Share
</lj-embed>

December 20th, 2008

SOL LEVANTE A MILANO

Share
AR-Gissing - Joy

Non mi riferisco agli sparuti gruppi di turisti giapponesi che, in schieramenti compatti, percorrono entusiasticamente le vie del centro.

Domenica 14 dicembre 2008 si è tenuto un evento che è ormai diventato un appuntamento per gli appassionati milanesi di tutto ciò che è nipponico: l’annuale festa alla scuola giapponese di Milano (in via Arzaga 10). Una volta l’anno questo istituto, sede di una scuola elementare e media frequentata dai figli dei numerosi giapponesi che lavorano a Milano, con lo scopo di fare da tramite tra la nostra cultura e quella d’origine degli alunni, apre le porte a tutti. Detto così sembra un evento piuttosto noioso (come i nostri open day scolastici), invece si tratta di una festa d’istituto in puro stile giapponese (come se ne vedono negli anime), animata dai ,e al contempo dedicata, ai ragazzi ma, non per questo meno divertente per gli adulti (o per i vecchi ragazzi come me ^_^).

 

Foto e descrzione della festaCollapse )

 


December 4th, 2008

CASTIGAT RIDENDO MORES..

Share
masterpiece

….ridendo castigo i mori! Eh!?.... No?? Ah quello era Totò?! Azz! Lo dico sempre che da piccola guardavo troppa tv!

Va beh, torniamo al mio naturale tono saccentello. La satira, critica i costumi attraverso le risate e quindi posso,a buon titolo, dire di aver assistito ad un fantastico esempio di satira sociale.

 

La Nave FantasmaCollapse )

November 5th, 2008

Ancora non ci credo ma...

Share
AR-Gissing - Joy

Circa 45 anni dopo le proteste di Martin Luther King, un presidente di colore. Una prospettiva che tutti ritenevano giusta ma, su cui nessuno avrebbe scommesso un penny. Per varie ragioni: l'età ed esperienza politica del candidato, il forte momento di crisi economica e perfino il nome (che ancora in molti confondono con Osama)...che dire, ogni tanto ci sono notizie che fanno sperare in qualcosa di buono dal domani. Non a caso, questo nuovo presidente, per il fardello di problemi ereditato dalla precedente amministrazione, è stato già paragonato a Frank Delano Roosvelt.
Speriamo che il paragone porti bene. Una cosa è certa, da bravo figlio della new economy, Obama ha stravolto il modo di fare politica già a partire dalla campagna, cavalcando l'onda dei nuovi canali informatici per reperire fondi e per comunicare (aiutato anche da una buona dose di carisma che non guasta mai). Al confronto i due rappresentanti repubblicani sembravano, più che elefanti, veri e propri dinosauri.

In bocca al lupo Mr President! E mi raccomando non ascoltare i consigli del nostro Capo del Governo Vertically Challenged. ;p

October 25th, 2008

Facciamo l'ipotesi...

Share
AR -Thinking

"Facciamo l'ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione , non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l'aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C'è una certa resistenza; in quelle scuole c'è sempre, perfino sotto il fascismo c'è stata. Allora, il partito dominante segue un'altra strada (è tutta un'ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si
anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private.
Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi.
Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole,perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A "quelle" scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d'occhio i cuochi di questa bassa cucina.
L'operazione si fa in tre modi: ve l'ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico"

Piero Calamandrei - discorso pronunciato al III Congresso in difesa della Scuola nazionale a Roma
l'11 febbraio 1950


Tanto per precisare: io ho frequentato per 8 anni scuole private,non senza sacrifici da parte della mia famiglia. E già mi chiedevo che senso avesse lasciar degradare gli istituti pubblici (per mancanza di soldi o per colpa di direttori incapaci). Questa potrebbe essere una risposta piuttosto sensata (e onestamente mi vengono i brividi all'idea di una futura struttura dell'istruzione italiana di stampo cattolico-ciellino come gli istituti che mi è toccato frequentare).


October 20th, 2008

 


A circa 20 giorni dal ritorno dalla mia brevissima vacanza, ho deciso di mettermi a scrivere di Londra: unica città che mi risulta induca un forte stato di dipendenza. Non conosco persona che, una volta arrivata nella capitale inglese, non trovi almeno un posto in cui non desidera tornare. Perché Londra è la CITTA’ e offre tutto ciò che la vita urbana possa offrire. Per cui, se si ama la tranquillità, la vita sana, i ritmi regolari ed i paesaggi incontaminati….alla larga! Londra sembrerebbe un posto orribilmente rumoroso, sporco, caotico e nevrotico. D’altro canto, se si è mai stati in qualche modo affascinati dalle possibilità che una metropoli offre, allora non si può negare che in questa città convivano tali diverse realtà da poter contentare tutti i gusti. Da quelli più frivoli fino a quelli più intellettualistici.

London swinging London! Londra città che non dorme mai, sempre in evoluzione,sempre tradizionale, sempre innovativa. Culla delle contraddizioni, come in genere, lo è il mito di tutto ciò che è inglese.

Ma tornando a me, cosa mi ha affascinato?

Sicuramente sono vittima di una forte infatuazione letteraria, per cui, la prima volta che ho attraversato le strade della città, non c’era pietra del selciato che non mi evocasse i nomi di Dickens, Shakespeare e Conan Doyle. ;)

Non posso poi negare l’affascinate “esotismo” che, per noi latini-borbonici, hanno le popolazioni di stampo celtico. 

In particolare in gesti come quello di esprimere il massimo disappunto con un semplice sopracciglio alzato! Per me, che ho l’autocontrollo di “Paperino”, è un ideale irraggiungibile. Per non dimenticare altre qualità come: la forte educazione civica, l’alto spirito di solidarietà coi lavoratori (chi li ha inventati i sindacati?), il diffuso impegno civile…

Ovviamente c’è sempre il risvolto della medaglia. Un popolo così controllato, di solito “scioglie i capelli” appena può. Il sabato sera, il centro di Londra è un’allegra bolgia istituzionalizzata, che si conclude, il più delle volte, con compagnie così “bevute” che ci si chiede come non facciano a perdere i sensi. C’è però da dire che, almeno, hanno il buon senso di rientrare con i mezzi pubblici o di designare un amico guidatore al sacrificio di mantenersi sobrio per una sera.

E anche l’estremo senso del rispetto delle regole, a volte produce imbarazzanti paradossi.

Episodio al supermarket. C’è la fila alla cassa (the Holy Queue!), così lunga che si estende fino a uno scaffale dove c’è della merce che mi interessa. Non c’è modo di aggirarla perché lo spazio è poco e le persone sono proprio attaccate alle mensole, così chiedo scusa e faccio il gesto di afferrare una cosa spezzando la fila. Un signore di colore, con tanto di pargolo al seguito mi fulmina con lo sguardo e con tono tra l’oltraggiato e il rassegnato (Ah! I turisti!) mi impone di non muovermi : “ There’s a queue!!”

Io, altrettanto oltraggiata (come osi pensare che volessi saltare la fila!?), gli ribatto, col mio inglese maccheronico, “the queue is to pay: I simply want to reach an item!”. Mi ha guardato come una pazza che avesse appena negato il sistema copernicano. Ha avuto 5 secondi di titubanza, poi ha ribattuto “It’s a queue”. Punto. Stop. Non si discute.

Per evitare di polemizzare, e anche temendo che il mio inglese fosse risultato assolutamente incomprensibile, mi sono messa in fila, anche se non dovevo pagare! Pure perché di una cosa sono abbastanza certa! Le file in Inghilterra, anche quelle lunghe 10 metri, non durano più di 5 minuti (tranne quelle per i saldi). Ma siete allertati, violare la Queue è peggio che toccare la vacca sacra in India ;p

Continua….

October 7th, 2008

Alla radio...

Share
work sucks
Mentre vado al lavoro ascolto un'interessante breve intervista ad un dottore che ha studiato le conseguenze prolungato di droghe sia pesanti che leggere (diagnosi scientifica: cervello in pappa! ) e ha svolto anche studi sul consumo legato agli aspetti sociali.
L'intervistatrice fa domande molto mirate sulle attuali politiche a livello Europeo e le variazioni dei consumi a livello statistico...finche arriviamo alla fatidica domanda "E in Italia?" .....silenzio imbarazzato. Poi si elencano alcune campagne di non ben identificati enti privati. "E a livello istituzionale?".....silenzio + sospiro stereofonico.
Il dottore, che in circa 15 minuti era stato un campione di eloquenza, nicchia, incespica, aggira. Finchè la giornalista gli tira fuori la parola tanto attesa :"politica"

In parole povere, non si affronta una seria campagna contro il consumo di droga...perchè si sta ancora a discutere se lo spinello sia di destra o di sinistra.
Come tutto in genere.
Sei per i pacs...allora sei per i matrimoni gay...quindi comunistaaaaa!
Sei contro il proliferare di puttane e spacciatori in centro...allora sei per lo stato di polizia ...quindi fascistaaaaa!!

A meno di non votare almeno 400 deputati che se ne fregano delle etichette di schieramento, dubito che avremo mai dei progetti di riforma sociale degni di questo nome.

August 29th, 2008

Metti una sera...

Share
fat friends
Cosa può spingere una famiglia, il venerdi sera, a spegnere la televisione e a fare calcoli a voce alta a velocità folle?
Se la vostra risposta è la congiuntura economica, siete completamente fuori strada.
Semplicemente è l’effetto che, in una comune ambiente domestico italiano, può essere provocato dall’introduzione improvvisa di un fattore d’intrattenimento importato .
Nella fattispecie questo piccolo aggeggino che mi sono regalata in un momento di estremo egocentrismo ricreativo, unito ad attacco di shopping compulsivo condito con una punta di regressione adolescenziale.
Insomma mi sono comprata la Ds Lite, punto! E per compensare ho preso anche il Brain Training del Dr Kawashima (dottore in cosa poi?).Il punto è che non ho fatto in tempo a introdurre il gioco in casa, che, per qualche oscuro motivo che mi sfugge, è diventato parte integrante degli elettrodomestici di casa. Mio zio è affascinato dal numero infinito di Sudoku che può risolvere,senza neanche il fastidio di procurarsi una rivista e una penna. Quanto a mia mamma, la signora “io non leggo le istruzioni che tanto provo e così imparo”, mi ha costretta a celare accuratamente la console al suo sguardo, onde evitare che mandi in tilt il sistema nel tentativo di migliorare il suo test dell’età cerebrale (o nel tentativo di accedere almeno alla schermata del gioco).
Mi fa piacere trovare un raro punto di contatto tra i miei interessi e la mia famiglia e sicuramente mi fa piacere che trovino qualcosa che li allontana dalle abitudini della transumanza televisiva ma…..io quando ci gioco? ;__;
 
Powered by LiveJournal.com